Liguritudine, Sciacchetrà, vini

Vétua: una fiaba ci porta a Monterosso al Mare

Vétua Monterosso
Una fiaba ci porta a Monterosso al Mare e racconta di Rosy e Sebastiano, una gentile coppia così garbata e disponibile da trasmettere armonia in ogni loro produzione.

Tra i primi a portare la filosofia biodinamica alle Cinque Terre integrandola al sapere antico di vinificare, propongono una micro produzione di eccellenza di Sciacchetrà DOC e bianchi secchi, in due diverse espressioni di vino del territorio, dalle uve classiche Bosco, Albarola e Vermentino, più tre antichi vitigni autoctoni sapientemente recuperati: Picabùn, Brujapagià e Frapelà.

Delizie liquide che macerano sulle bucce a temperatura libera e maturano in acciaio, mantengono la fine e sensibile gradevolezza dei loro produttori, raccontando però con fierezza il territorio, la macchia mediterranea dei declivi terrazzati fronte mare, di piccoli lembi di coltivazioni curate con passione e faticosa costanza, dunque genuini e sinceri, sapidi e minerali, persistenti e iodati. Da accaparrarsi anche il loro piacevole vino rosso.

Su ogni bottiglia il tocco artistico delle etichette viene da disegni originali di Rosy.

Stiamo parlando di una produzione annua di quattro o cinquemila bottiglie, quantità così piccole che ogni anno vanno a ruba e al Ghemé siamo orgogliosi di contribuire a farle conoscere!

Lo Staff del Ghemé: Chiara e Laura
Li potrai degustare direttamente al Ghemé o acquistarli nel nostro Shop